È morto Eduardo Rodriquez, storico commerciante e titolare degli omonimi store di abbigliamento presenti al Corso Secondigliano, a soli 64 anni. Protagonista attivo della vita commerciale e civile di uno dei quartieri più popolosi della periferia, si è spesso battuto alla ricerca di possibili altrimenti e soluzioni, dialogando sempre attraverso toni pacati con le istituzioni del quartiere e con le altre realtà locali.

Come ricordato anche da Periferiamo News, portale molto attivo per la VII Municipalità, Eduardo Rodriquez era in prima linea negli incontri istituzionali più importanti. Come quando cinque anni fa rivolse al sindaco di Napoli Luigi De Magistris un appello accorato: "La gente non viene più nei negozi di Secondigliano perché qui trova strade sporche, marciapiedi occupati, illuminazione insufficiente, carenza di parcheggi, il caos più totale. Non trattateci come un quartiere di serie B, il commercio qui sta morendo". 

Sognava un centro commerciale "al naturale" tra i negozi di Corso Secondigliano con parcheggi e mezzi pubblici funzionanti, iniziative ed eventi per riqualificare l'area. È riuscito a vedere l'abbattimento del marciapiede che divide i sensi di percorrenza del Corso. Un'iniziativa che, a dire il vero, ad oggi avrebbe causato altri fastidi alla viabilità, come la sempiterna presenza di automobili in doppia e tripla fila. Appassionato d'arte, Secondigliano perde con Eduardo Rodriquez una delle sue personalità autentiche.