Sandro Ruotolo.
in foto: Sandro Ruotolo.

Anche il giornalista Sandro Ruotolo sarà candidato alle Elezioni suppletive in Campania previste per il febbraio del 2020 e indette per eleggere un senatore che prenda il posto del professor Franco Ortolani, deceduto nel novembre del 2019. Sandro Ruotolo sarà candidato con un'ampia coalizione formata da Pd, Leu e DemA, mentre il Movimento 5 Stelle, per ora, si sarebbe chiamato fuori: stando a quanto si apprende, il giornalista avrebbe accettato di buon grado la candidatura. La coalizione cnasc con l'obiettivo di superare movimenti, partiti e simboli al fine di dare vita a un ampio fronte comune che possa contrastare il candidato del centrodestra. La nascita della coalizione, inoltre, farebbe di fatto saltare la candidatura di Annamaria Palmieri, assessore all'Istruzione del Comune di Napoli, che sarebbe stato il candidato DemA in assenza di una convergenza delle forze su un unico nome, che è invece ricaduto su Sandro Ruotolo. Non solo: la coalizione potrebbe di fatto far saltare tutte le "certezze", perfino quelle della ricandidatura di Vincenzo De Luca a presidente della Regione Campania.

Cugino di Silvia Ruotolo, assassinata durante un agguato all'Arenella nel 1997, vittima innocente di camorra, e zio di Alessandra Clemente, assessore comunale, Sandro Ruotolo è giornalista con una carriera pluridecennale alle spalle. Nota la sua attività anticamorra, per la quale è finito anche sotto scorta: da tempo collabora anche con Fanpage.it con inchieste che hanno documentato la pressione esercitata dalla criminalità organizzata in tutto il Paese.