366 CONDIVISIONI
Covid 19
16 Marzo 2020
13:08

Ercolano, va in giro col calesse nonostante il decreto coronavirus: denunciato

Un uomo è stato fermato per le strade di Ercolano, nel territorio Vesuviano, mentre era guidava un calesse trainato da un cavallo. Non è riuscito a dare una giustificazione al tutto, ed è stato così denunciato. Intanto, ieri primo caso di positività nel comune ercolanese: un 84enne del posto, in isolamento in casa.
A cura di Giuseppe Cozzolino
366 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

In giro per le strade di Ercolano su un calesse, nonostante il decreto per contrastare l'emergenza coronavirus vieti di spostarsi se non per "validi e giustificati motivi". E così per l'uomo alla guida è scattata la denuncia da parte dei carabinieri. Si tratta di un 44enne del posto, sorpreso su via Amedeo Bordiga a bordo del calesse trainato da un cavallo. I militari dell'Arma, quando lo hanno fermato, gli hanno chiesto come da prassi quali fossero i motivi per cui si trovasse sull'arteria che collega via Panoramica alla rotonda di via Cupa Monti (a pochi metri dall'uscita autostradale Ercolano – Scavi dell'autostrada A3 Napoli-Salerno), ma lui non è riuscito a dare alcuna giustificazione valida.

Intanto, proprio ieri a Ercolano si è registrato il primo caso di un positivo al coronavirus: si tratta di un 84enne del posto, che si trova in isolamento nel proprio appartamento. In città, tuttavia, la situazione appare sotto controllo, anche se preoccupano i tanti casi nella vicina Torre del Greco, dove si è registrato anche un decesso. Al momento, in tutta la regione Campania, si contano 400 casi, con 28 guariti e 11 decessi, mentre da ieri sono stati letteralmente "chiusi" ben cinque comuni: uno è Ariano Irpino, in provincia di Avellino, dove i casi sono aumentati in maniera considerevole, gli altri quattro sono Sala Consilina, Polla, Atena Lucana e Caggiano, nel Vallo di Diano della provincia di Salerno, dove c'è stato un raduno religioso nel quale si sospetta possano essersi verificati possibili casi di contagio dovuti all'imprudenza e all'eccessiva "vicinanza" dei partecipanti.

366 CONDIVISIONI
28392 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni