27 Luglio 2019
10:09

Estorcono denaro per conto della camorra a una nota pizzeria dei Tribunali: fermati tre ragazzi

Secondo quanto ricostruito dalle indagini, i tre avrebbero agito per conto del clan di camorra dei Mazzarella. Antonio I., 20 anni, Pietro P., 30 anni compiuti oggi, e Marco D.M., 18 anni appena, sono stati fermati dai carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia di Napoli Centro.
A cura di Enrico Tata
Foto di repertorio
Foto di repertorio

Tre giovanissimi sono accusati di aver estorto soldi a una nota pizzeria di via dei Tribunali, nel cuore di Napoli. Secondo quanto ricostruito dalle indagini, i tre avrebbero agito per conto del clan di camorra dei Mazzarella. Antonio I., 20 anni, Pietro P., 30 anni compiuti oggi, e Marco D.M., 18 anni appena, sono stati fermati dai carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia di Napoli Centro. Uno di loro è stato bloccato dai carabinieri mentre era in vacanza a Procida, ma ora tutti e tre sono stati accompagnati nel carcere di Secondigliano, dove restano a disposizione dell'autorità giudiziaria in attesa di essere giudicati.

Continuano le indagini della Direzione Distrettuale Antimafia

Secondo le indagini degli uomini della Direzione Distrettuale Antimafia, i tre ragazzi avrebbero agito per conto del clan Mazzarella, che aveva l'obiettivo di estendere i propri profitti da droga e richieste di pizzo anche in quella zona del centro in cui operano i rivali della ‘paranza' dei Sibillo ormai fortemente indebolita dalle indagini delle forze dell'ordine. Stando a quanto si apprende, i fatti risalgono a inizio anno. Le vittime avrebbero collaborato fin da subito con gli uomini delle forze dell'ordine, ma in ogni caso per loro ieri il gip di Napoli Chiara Bardi ha disposto il carcere. Le indagini proseguono per cercare di ricostruire i loro contatti con il clan dei Mazzarella ed accertare eventualmente altri legami e il modus operandi.

Alessia e Giulia investite dal treno, il papà: “Vivevo per loro: che questa tragedia non sia vana”
Alessia e Giulia investite dal treno, il papà: “Vivevo per loro: che questa tragedia non sia vana”
554 di Videonews
A Caserta inferno nel primo giorno di scuola: bus bloccati da protesta
A Caserta inferno nel primo giorno di scuola: bus bloccati da protesta
È morta la Regina Elisabetta II: il 4 maggio del 1961 la sua visita a Napoli insieme a Filippo
È morta la Regina Elisabetta II: il 4 maggio del 1961 la sua visita a Napoli insieme a Filippo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni