Alle prime luci dell'alba i carabinieri hanno eseguito l'arresto di 53 persone per la faida di camorra in atto a Forcella. Tra gli arrestati avrebbe dovuto esserci anche Gianmarco Lambiase, il 21enne ucciso domenica sera a Ponticelli, nella periferia est della città. Il provvedimento è stato eseguito nell'ambito di una vasta operazione anticamorra di Polizia e carabinieri nel fazzoletto di case del quartiere del centro storico di Napoli, dove è in atto una lotta per l'egemonia. Cinquanta arresti hanno riguardato i clan Ferraiuolo-Stolder e Del Prete (collegato al clan Mazzarella).

In manette è finito anche il padre di Gianmarco, Vincenzo. L'ordinanza eseguita stamattina è stata messa in ordine alle indagini sulla faida scatenata a Forcella per il controllo delle piazze dello spaccio tra i Del Prete che a Forcella fanno le veci del clan Mazzarella, e i Ferrajuolo-Stolder, loro competitor nella lotta al potere. Da ascrivere alla lotta criminale per il controllo del territorio anche l'omicidio di Giovanni Saggese, trucidato il 21 maggio del 2012. L'omicidio venne ordinato dal sodalizio dei Mazzarella per rispondere al ferimento di Salvatore Del Prete.