Buone notizie dalla sperimentazione del Tocilizumab, il farmaco anti-artrite reumatoide che in alcuni casi viene utilizzato su pazienti affetti da coronavirus. Ci sono venti pazienti che stanno già avendo miglioramenti con il farmaco, mentre altri cinque potrebbero addirittura essere dimessi a breve. Ma i risultati, avverte il dottor Paolo Antonio Ascierto, non saranno certi prima di qualche settimana.

"Il protocollo avviato da AIFA per gli studi su Tocilizumab nel trattamento della polmonite da Covid-19 ci ha dato buone speranze", ha spiegato Ascierto, "ma adesso dobbiamo avere pazienza e attendere i risultati della sperimentazione. I segnali di un possibile beneficio sono in aumento ma non avremo dati certi prima di qualche settimana. Cauto ottimismo", ha concluso il medico oncologo e ricercato italiano, "nel frattempo, noi ci siamo! Uniti si vince". Nei giorni scorsi, sul farmaco Tocilizumab e sulla sua sperimentazione era nata una polemica mediatica sulla "paternità" della richiesta. Polemica che lo stesso Ascierto aveva poi stroncato sul nascere, spiegando che "in questo momento, non conta il primato. Il nostro deve essere un gioco di squadra e la salute dei pazienti è la cosa che ci sta più a cuore".