[Foto di archivio]
in foto: [Foto di archivio]

Approfittava del suo ruolo per abusare di giovanissime pazienti, bambine e ragazzine minorenni, che si recavano nel suo studio per delle sedute di riabilitazione in un centro privato nel quartiere di Posillipo a Napoli. L'uomo, 54 anni, ora finirà a processo dopo che il gup Rossella Marco del tribunale di Napoli ha deciso per il rinvio a giudizio. L'imputato è stato posto agli arresti domiciliari lo scorso agosto al termine dell'inchiesta. Almeno tre le presunte vittime dell'uomo, la più piccola della quali ha solo nove anni, e due di queste sono affette da autismo. Le famiglie hanno scelto di dichiararsi parte civile nel processo che prenderà il via il prossimo 18 gennaio. La vicenda è venuta alla luce dopo la denuncia di una mamma, insospettita da alcuni comportamenti della famiglia.

"È terribile quanto emerge dalle indagini – hanno dichiarato gli avvocati di parte civile Sergio Pisani e Roberto Mirabile una volta appreso della decisione del giudice – questo fisioterapista aveva in cura delle piccole creature sfortunate e ha approfittato della loro condizione per abusarne squallidamente. Ci chiediamo se siano le uniche vittime, dato che parliamo di un uomo occupato in un grande centro di riabilitazione da vari anni".