Paura a Frigento per la scomparsa di Luigi Belvedere, ex impiegato oggi in pensione: l'uomo, 68 anni, è sparito nel nulla da un mese, da quando cioè lo scorso 7 novembre era uscito per una passeggiata nella zona dove vive, in località La Quarta, nella frazione di Pagliara, e che da allora non si è più visto. C'è molta preoccupazione perché l'uomo soffre anche di attacchi di memoria, come spiegato da Luciano, un suo amico ed ex collega che si è rivolto a "Chi l'ha visto?", che gli impedisce di ricordare cose legate al presente (mentre ricorderebbe bene quelle del passato).

L'uomo, alto circa 1,70, occhi castani, capelli brizzolati, al momento della scomparsa indossava un giaccone nero, jeans larghi ed un cappellino bianco e nero con lo stemma della Juventus. Inoltre, quando è uscito non aveva con sé né documenti, né cellulare, né i farmaci che assume quotidianamente per la sua terapia quotidiana: avrebbe lasciato tutto a casa prima di andare a fare una passeggiata, dalla quale però non ha più fatto ritorno. Ed ora che è passato quasi un mese, l'apprensione per le sue condizioni è tanta. Anche il sindaco di Frigento, Carmine Ciullo, nei giorni successivi alla sua scomparsa si era attivato coinvolgendo il comune stesso e diverse associazioni: ma nonostante le ricerche, al momento, di Luigi non sembra esserci alcuna traccia. Sulla vicenda indagano i carabinieri, mentre alle ricerche oltre ai volontari partecipano anche gli agenti della polizia municipale. Si cerca in tutta l'Alta Irpinia e nei comuni limitrofi a quello di Frigento, ma per ora non sembra esserci alcuna pista valida.