Funghi raccolti a Padula

Tesori nascosti nel verde della Campania.  Funghi e tartufi, prelibatezze da difendere, tutelare e utilizzare per creare una vera e propria fonte di economia. È l'idea partorita dall'imprenditore Guido Calenda, presidente dell'associazione cercatori di funghi "Boletus", che ha incontrato a Padula il professore Vincenzo Peretti, esperti di biodiversità, e il  dottor Corrado Martinangelo consulente del ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali per dare il via al percorso di valorizzazione della filiera con l'obiettivo di tutelare e  commercializzare i prodotti made in Campania.

“Cercatori di funghi e tartufi non più soltanto per diletto – spiega Guido Calenda – ma veri e propri imprenditori in grado di fare impresa e portare a  reddito uno dei tesori offerti dalla generosità della Regione Campania. Inoltre, sul fronte  ambientale, ogni socio raccogliendo i diversi rifiuti dall’ambiente visitato contribuisce alla salvaguardia dello stesso. Prelevando plastica abbandonata si rimedia alle malefatte di chi  non ha l’intelligenza necessaria a comprendere del danno arrecato dalla sua azione  scellerata”. Della stessa idea anche Corrado Martinangelo: “È chiara l’esigenza che ci si deve impegnare tutti per  creare una rete di imprese per fare diventare il fungo ed il tartufo una ricchezza economica  e sociale”.