Piove nelle aule del Liceo Vittorini di Napoli. Ed i ragazzi, esasperati, si rivolgono a Fanpage.it per raccontare la loro prosopopea quotidiana all'interno del complesso scolastico. La situazione è al limite del paradosso: ben cinque aule sono praticamente inagibili, visto che ci sono infiltrazioni d'acqua dal soffitto e che, dallo stesso, si sono già staccati pezzi di intonaco. I ragazzi che frequentano l'istituto denunciano la situazione nella speranza che qualcosa cambi, ma anche alcuni genitori, al corrente della vicenda, temono per l'incolumità dei loro figli. Al punto che oggi, fanno sapere alcuni di essi a Fanpage.it, hanno preferito restare a casa, con tutti i rischi per l'anno scolastico in corso, visti già i giorni in cui le scuole sono state chiuse d'ufficio per l'allerta meteo e nonostante ci si trovi appena a metà novembre.

"Questa situazione è inaccettabile", ha spiegato a Fanpage.it uno degli studenti che ha segnalato il tutto, "ogni tanto vengono effettuati lavori straordinari ma dopo cinque-sei mesi la situazione torna come prima". Oltre al problema dell'infiltrazione d'acqua nel soffitto, che causa anche la caduta degli intonaci, anche i pavimenti ne risentono, visto che l'acqua scorre di fatto dal soffitto al suolo e che per "tamponare" la situazione l'unico provvedimento appare essere quello di utilizzare secchi d'acqua nei corridoi. E il tutto continua a dare problemi soprattutto per l'organizzazione della didattica giornaliera. La vicenda ricorda quella che ha portato, proprio nelle scorse ore, al sequestro dell'istituto "De Amicis" di Caserta, proprio per il pericolo di caduta di intonaci e laterizi in tutti gli ambienti. L'operazione dei carabinieri, su mandato della Procura di Santa Maria Capua Vetere è scattata quest'oggi dopo l'apertura di un fascicolo contro ignoti per il reato di omissione di lavori in edifici o costruzioni che minacciano rovina.