Nuova aggressione contro personale sanitario all'interno di una struttura medica. Stavolta è accaduto all'interno del pronto soccorso dell'ospedale San Giovanni Bosco, nel cuore di Napoli. Un uomo si è presentato attorno a mezzanotte per un forte dolore ad un malore, ma ha preteso di essere visitato senza rispettare il proprio turno d'attesa.

Non pago, l'uomo si è poi scagliato contro le due dottoresse che erano in servizio, con una foga inaudita: prima ha scaraventato una scrivania contro le donne, poi ha iniziato a scagliare contro di loro anche il mobilio del pronto soccorso che aveva sottomano, tanto che una delle due dottoresse ha riportato la frattura del malleolo. Le due donne al termine dell'aggressione hanno riportato ferite varie, guaribili in ventuno e dieci giorni.

Soltanto l'intervento della polizia, allertata dai sanitari, ha bloccato l'aggressore. Ma l'episodio ha lasciato diversi strascichi. Lo stesso pronto soccorso medico, infatti, è stato bloccato dal momento che gli unici due medici internisti di turno non erano più in grado di lavorare. Sono state così allertate via fax tutte le centrali operative del 118 per non inviare pazienti, salvo casi critici. La denuncia della nuova aggressione è arrivata ancora una volta dall'associazione "Nessuno tocchi Ippocrate", che da sempre si batte per segnalare e contrastare questi "fenomeni" sempre più tristemente diffusi.