455 CONDIVISIONI
10 Giugno 2018
12:38

“Hai fatto tardi a pranzo”: 23enne contro i genitori: lega la madre e dà fuoco ai vestiti

A Barra, periferia Est di Napoil, una lite familiare rischia di finire in tragedia. Un ragazzo di 23 anni, rimproverato dai genitori per aver fatto tardi a pranzo, ha una reazione inaspettata: minaccia col coltello la madre, la lega e poi, quando il padre chiama i carabinieri, si chiude nell’armadio e per non farsi prendere incendia i vestiti. I militari riescono a risolvere la situazione e arrestano il giovane.
A cura di Redazione Napoli
455 CONDIVISIONI

Un gesto di rabbia estrema, frustrazione forse frutto di problemi ben più grandi degni di altre attenzioni: Barra, quartiere della periferia Orientale di Napoli, un ragazzo di 23 anni litiga furiosamente coi genitori e l'epilogo è sconcertante.  Lo raccontano i carabinieri che sono intervenuti per sedare il litigio: al 112 era arrivata una richiesta d’aiuto da un padre esasperato che chiedeva l’intervento dei carabinieri in casa sua dove il figlio stava dando in escandescenze. Sul posto giungono i militari della compagnia Poggioreale cui il genitore spiega l'esplosione di rabbia incontrollata del figlio. Motivo? Lui e la moglie lo avevano rimproverato per aver tardato al pranzo. Il giovane aveva dapprima urlato contro di loro, poi li aveva minacciati con un coltello a farfalla, infine aveva legato la madre al letto con cinture di cuoio e si era chiuso dentro casa con lei.

I carabinieri hanno prima provato, trattando dall’esterno dell’abitazione, a ricondurre il ragazzo alla ragione, poi al momento propizio, approfittando del fatto che la madre si era slegata ed aveva aperto una serranda, sono entrati in casa; lì hanno tentato di bloccare il ragazzo che ha provato a ferirli con la lama e poi si è chiuso in un armadio da dove continuava a sferrare fendenti contro l’anta; ha persino incendiato i vestiti.  In quei momenti concitati in un attimo i militari sono riusciti a bloccarlo. hanno spento poi anche il principio d’incendio. il 23enne è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e resistenza a un pubblico ufficiale quindi portato a Poggioreale. Il coltello e le cinture sono stati sequestrati.

455 CONDIVISIONI
Dà fuoco all'auto del cognato per minacciare la sorella: 43enne arrestato a Portici
Dà fuoco all'auto del cognato per minacciare la sorella: 43enne arrestato a Portici
"Dovete visitare prima me", e prova a sfondare una porta urlando contro altri pazienti
Dagli sfollati di Ischia lettera a Mattarella e Meloni:
Dagli sfollati di Ischia lettera a Mattarella e Meloni: "Servono più soldi per mettere in sicurezza l'isola"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni