Sulla scia di un progetto fotografico di indagine sociale  ideato e realizzato per la città di New York da Brandon Stanton, arriva nel capoluogo partenopeo Humans of Naples, un catalogo di volti e nomi che descrive la società napoletana nelle sue molteplici sfaccettature attraverso le immagini e i pensieri associati ai soggetti ritratti.
Si tratta di un progetto di storytelling curato dall’Università Suor Orsola Benincasa, con il patrocinio del Comune di Napoli, del Comune di San Giorgio a Cremano e dell’Assessorato all’Assistenza Sociale della Regione Campania e nato dall'iniziativa di Vincenzo De Simone.

Fulcro del progetto è il è la partecipazione attiva della “gente di Napoli”, coinvolta in prima persona attraverso gli scatti e le storie associate con brevi pensieri che accompagnano l'immagine. In ogni fotografia sarà presente una persona: ognuno lascerà un pensiero o un commento su Napoli e sull’essere napoletano. Cosa significa vivere a Napoli, perché si resta o perché si fugge dalla città sono i temi cardine della ricerca realizzata con micro-storie dei napoletani.
Il networking territoriale rappresenta l'essenza del progetto che mette a confronto più soggetti, incoraggiando la consapevolezza identitaria delle persone ed esaltando il legame con un territorio dalle mille sfumature culturali ed etniche.

Come partecipare al progetto?

Per partecipare è sufficiente inviare una foto accompagnata da una riflessione su Napoli, con nome e cognome all’indirizzo  all'indirizzo: lagentedinapoli@gmail.com.
I pensieri più incisivi e le fotografie più belle con il maggior numero di Like saranno esposte in mostra a Marzo 2015 al Piano Mostre dell’Università Suor Orsola Benincasa. Tutte le fotografie saranno pubblicate sulla pagina Facebook “La gente di Napoli, Humans of Naples".