Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Una terribile scoperta, alquanto macabra, quella effettuata questa mattina, venerdì 24 gennaio, a Torre del Greco, nella provincia di Napoli: in via Montedoro, non molto lontano dall'ospedale cittadino, il Maresca, è stato rinvenuto il cadavere mummificato di un uomo. L'avanzato stato di decomposizione del corpo fa supporre che il decesso sia avvenuto da tempo: ad effettuare la macabra scoperta sono stati gli operai della ditta che si occupa della gestione del servizio idrico nella provincia partenopea, impegnati in un sopralluogo sul posto; quando hanno visto il cadavere, dopo l'iniziale choc, hanno immediatamente allertato le forze dell'ordine.

Sul posto sono arrivati i carabinieri, che hanno effettuato tutti i rilievi del caso: dalle prime informazioni, anche se l'identità dell'uomo non è ancora stata accertata, si tratterebbe di un senza fissa dimora. Sul cadavere è stata disposta l'autopsia, che chiarirà con certezza le cause della morte e stabilirà l'identità dell'uomo, come detta non ancora nota: per adesso, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi, ma saranno come detto gli accertamenti approfonditi a raccontare la verità. Purtroppo, se dovesse essere confermato che la vittima era un senza fissa dimora, non sarebbe il primo caso di morte sopraggiunta per cause naturali, probabilmente per il freddo patito durante una notte trascorsa all'addiaccio.