Una donna di 39 anni, di origine ucraina, senza fissa dimora, è rimasta gravemente ustionata a Napoli, come rende noto su Facebook la pagina "Insieme facciamo tutto". Soccorsa dal 118, è stata dapprima ricoverata all'ospedale Loreto Mare: dato la gravità e la vastità delle ustioni, al volto, al cuoio capelluto, agli arti e al tronco, si è deciso di trasferire la donna al Centro Grandi Ustionati dell'ospedale Cardarelli, dove potrà essere curata più adeguatamente per le sue ferite. In ospedale con la 39enne è arrivato anche un uomo, anche lui senza fissa dimora, che riportava ustioni più lievi e che ha rifiutato il ricovero. Stando a quanto si apprende, sarebbe stato l'uomo a provocare l'incendio, lasciando una sigaretta accesa sul materasso che i due utilizzavano come giaciglio.

Incendio dovuto a una sigaretta incautamente accesa anche nello scorso mese di luglio a Castel San Giorgio, nella provincia di Salerno. Un uomo di 67 anni è rimasto gravemente ustionato mentre si stava applicando una medicazione con l'alcool a una ferita al piede: durante l'operazione il 67enne stava fumando una sigaretta la cui brace è entrata in contatto con il liquido infiammabile, generando l'incendio che lo ha avviluppato. L'uomo, soccorso dal 118, è stato trasportato dapprima all'ospedale Umberto I di Nocera Inferiore ma, vista la gravità delle ustioni, è stato trasferito in eliambulanza al Centro Grandi Ustionati dell'ospedale di Brindisi.