"È solo un'offerta a piacere, mica è un obbligo, se non vuoi puoi anche non dare nulla". Oppure, "con qualche spicciolo stai facendo del bene a un padre di famiglia". O, ancora, "preferiresti che andassero a rubare?". Chissà quante volte sono saltate fuori queste giustificazioni e queste scuse quando, a tu per tu con un parcheggiatore abusivo, qualcuno ha cercato di far capire che no, non c'è niente di "volontario" nel dover pagare per lasciare l'automobile e che nemmeno può essere considerato normale dare dei soldi a chi si auto nomina proprietario di una strada pubblica. E, se ancora ce ne fosse bisogno, ecco arrivare l'ennesimo episodio che indica quanto gli automobilisti siano taglieggiati dai guardamacchine: un ragazzo si è ritrovato con la ruota tagliata per non aver voluto pagare quanto richiesto.

Nessuna offerta a piacere, e nemmeno uno o due euro: cinque euro. Tariffa fissa e senza eccezioni, da mettere i conto per chiunque voglia parcheggiare nei pressi a Bagnoli quando sono aperte le discoteche, anche a più di cento metri dai locali notturni. Lo racconta su Facebook un ragazzo napoletano che da tempo vive all'estero: venerdì sera, 19 luglio, un abusivo ha chiesto 5 euro al suo amico. Non si erano fermati in uno spiazzo vicino alle discoteche, ma a circa 150 metri: poco importa, in certe serate tutta la parte bassa del quartiere diventa preda dei parcheggiatori.

Il ragazzo si è rifiutato, dandogli ugualmente qualche spicciolo ma dicendogli che non era quello il modo "di chiedere un aiuto" e i giovani si sono allontanati lasciandosi alle spalle il parcheggiatore che ancora protestava. "Morale della favola? – scrive il ragazzo – ve lo dice la foto". E, a corredo del post, l'immagine in cui si vede che la gomma dell'automobile era stata tagliata.