28 Giugno 2016
10:09

Il Pd di Napoli in attesa dell’epilogo, tra riunioni e beghe interne

Il Pd di Napoli è in attesa di conoscere il proprio destino. Il 4 luglio è prevista la Direzione nazionale che probabilmente decreterà il commissariamento, ma prima di essa i Dem si riuniranno per discutere già di congresso. E lo stesso farà Bassolino, che vedrà i suoi proprio in contemporanea con la Direzione nazionale.
A cura di Valerio Barbato
Foto Roberto Monaldo / LaPresse 06-06-2016 Roma Politica Elezioni Amministrative - Conferenza stampa del segretario del PD Matteo Renzi Nella foto Matteo Renzi Photo Roberto Monaldo / LaPresse 06-06-2016 Rome (Italy) Municipal elections - Press conference by Matteo Renzi In the photo Matteo Renzi
Matteo Renzi

Il 4 luglio probabilmente si conosceranno le sorti del Partito Democratico di Napoli. Fino ad allora, data della Direzione nazionale convocata da Matteo Renzi, le diverse, per certi versi inconciliabili aree interne, continueranno ad acuire una spaccatura sempre più profonda e difficile da ricucire. Nel cercare di ricomporre il puzzle e definire i rapporti di forza tra capibastone, i Dem si incontreranno in questi giorni, ma a più riprese e in luoghi e con persone diverse. Il 28 giugno, infatti, un pezzo del partito si riunirà alle ore 18.00 presso la federazione provinciale Pd di Via Toledo, mentre Antonio Bassolino, dopo aver usato parole al vetriolo in conferenza stampa, in un post comparso su facebook qualche giorno fa, ha annunciato un'assemblea pubblica: "Molti compagni ed amici, dentro e fuori il PD – scrive – chiedono sedi di riflessione e discussione. Giusto. Lunedì 4 luglio ore 16,30 assemblea pubblica al cinema Filangieri di Napoli".

Eppure, quella di Bassolino, sarà un'assemblea sfoltita di tutta la platea di esponenti nazionali: puntuale, infatti, dopo il rinvio, è arrivata la data della Direzione nazionale che prevista con tutta probabilità proprio per il 4 luglio alle ore 15:00, praticamente in contemporanea. Chissà se l'ex governatore della Campania deciderà di rinviare l'assemblea e di conoscere prima l'esito di quella che presumibilmente sarà la Direzione che decreterà il commissariamento per Napoli. Intanto, pezzi dell'apparato già discutono di congresso: una parte è decisa a volerlo indire subito, per ridurre al minimo la fase di gestione commissariale. Ma tutto lascia presagire che chi traghetterà il partito napoletano, lo farà almeno fino ad ottobre, mese fatidico per il premier Matteo Renzi, che ha deciso di puntare tutto sul referendum costituzionale e gradirebbe, quindi, calma piatta fino a quella data.

Roma, La Storta il cancello della stazione è chiuso: i passeggeri intrappolati all'interno
Roma, La Storta il cancello della stazione è chiuso: i passeggeri intrappolati all'interno
Ruba un presepe da un'automobile su via Duomo: arrestato un 48enne napoletano
Ruba un presepe da un'automobile su via Duomo: arrestato un 48enne napoletano
Frana a Ischia, il parroco:
Frana a Ischia, il parroco: "Si scava ancora, l'attesa è snervante"
45.756 di Peppe Pace
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni