Il Vesuvio è uno dei biglietti da visita di Napoli. Quasi iconografica, stampata sulle cartoline e sulle calamite in vendita nei negozi di souvenir, l'immagine che ritrae il vulcano partenopeo che domina il Golfo di Napoli sullo sfondo, con il classico abete in primo piano. Una immagine diversa del gigante, ma davvero spettacolare, da togliere il fiato, ce la restituisce l'account Instagram "Daily Overview", specializzato in fotografie dall'alto che possano infondere in chi guarda l'effetto "overview" appunto, che è quello che provano gli astronauti quando, una volta usciti dall'atmosfera della Terra, guardano in basso e ammirano il nostro pianeta dallo spazio. Nella foto sono ben visibili il cratere e il cono del vulcano, con il verde rigoglioso della vegetazione circostante a dominare cromaticamente la scena. A corredo della foto anche una piccola storia del Vesuvio, nella quale si fa menzione della tremenda eruzione del 79 d.C. che distrusse le città romane di Pompei, Ercolano, Stabia e Oplonti, e di quella, la più recente, del 1944.

Nei giorni scorsi, un'altra foto del Vesuvio aveva suscitato lo stupore, e anche la felicità, dei napoletani. Alle pendici, fin quasi sulla sommità del grande vulcano, è infatti ricomparsa una vastissima chiazza di vegetazione, quel verde che nella foto aerea domina la scena. Due anni fa, gran parte del verde che si trova sul vulcano fu "fagocitato" dagli incendi che hanno martoriato il Vesuvio nell'estate del 2017 e che per quasi due mesi hanno arso ettari su ettari di vegetazione, mettendo a rischio anche le numerose specie animali che vivono sul vulcano partenopeo.