Paura all'ospedale Santa Maria della Pietà di Nola, nella provincia di Napoli, dove un incendio ha interessato il reparto di Ginecologia. Il rogo, le cui cause sono ancora in corso di accertamento, è divampato improvvisamente e si è propagato velocemente nel reparto. Sul posto sono arrivati prontamente i vigili del fuoco, che hanno evacuato in via precauzionale l'intero reparto, in tutto 15 pazienti, donne incinte o che avevano partorito da poco. I pompieri hanno domato il rogo senza troppe difficoltà e, insieme ai carabinieri della compagnia di Nola, giunti anch'essi sul posto, hanno avviato le indagini per stabilire le cause dell'incendio, come detto ancora sconosciute. Per fortuna, il rogo non ha fatto registrare feriti né intossicati.

Diverso, purtroppo, l'epilogo di un incendio scoppiato qualche giorno fa in un'abitazione di Nocera Inferiore, nella provincia di Salerno, dove una donna è deceduta. Sul posto sono giunti i vigili del fuoco, allertati per l'incendio di una canna fumaria: quando i pompieri sono riusciti a fare irruzione nell'appartamento, hanno constatato che il rogo si era propagato al soggiorno e alla cucina dell'abitazione. Domate le fiamme, in camera da letto i vigili del fuoco hanno rinvenuto il cadavere della donna: in casa c'era un braciere acceso i cui fumi hanno verosimilmente, insieme a quelli dell'incendio, intossicato la donna, causandone così la morte.