Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

L'automobile è uscita di strada e si è ribaltata, schiantandosi al lato della carreggiata. Dinamica da chiarire, ma un bilancio gravissimo: Giuseppe Croce, 20 anni, di Miano, è morto sul colpo; ricoverato in ospedale l'amico che era con lui, coetaneo, fortunatamente rimasto ferito in modo non grave. L'incidente è avvenuto alle 7 circa di oggi, 7 dicembre, sulla circumvallazione esterna di Napoli, tra i territori di Melito e Arzano.

I due giovani erano sull'Alfa Romeo Stelvio guidata dal ventenne. Probabilmente a causare l'incidente è stata l'alta velocità. A quanto risulta da una prima ricostruzione, Croce ha perso il controllo del Suv che, dopo una manovra brusca, ha perso aderenza con l'asfalto ed è finito sul fianco. L'autista è morto sul colpo per la violenza dell'impatto, all'arrivo dei soccorsi non c'era già più nulla da fare.

Ferito nell'incidente anche l'altro ragazzo, coetaneo, che è stato subito trasportato all'ospedale Cardarelli; i medici hanno disposto il ricovero per successivi accertamenti e per le cure, ma a un primo esame le sue condizioni non sarebbero gravi ed è stato escluso il pericolo di vita.

In conseguenza allo schianto il traffico si è rallentato in tutta la zona. I primi soccorsi sono stati prestati da alcuni automobilisti di passaggio, che hanno visto la Stelvio ribaltata e si sono subito fermati per cercare di aiutare e hanno chiamato i numeri di emergenza; sul posto sono arrivati i sanitari del 118 e, per le indagini, le pattuglie dei carabinieri. Al termine dei rilievi sono previste le operazioni per liberare la carreggiata.