Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

NAPOLI – Suscita preoccupazione il caso di influenza suina che si è registrato all'ospedale Cotugno – nosocomio partenopeo specializzato nel trattamento delle malattie infettive – dove un bimbo è stato ricoverato con i sintomi della malattia. Il piccolo è arrivato nel nosocomio napoletano con febbre alta e problemi respiratori: è tenuto sotto osservazione e curato con la terapia prevista da casi come questo. Nei confronti degli studenti e del personale della scuola elementare Don Milani di Caivano, nella provincia di Napoli, che il bambino frequenta, così come nei confronti dei famigliari, sono state già avviate le procedure di profilassi. Domani, lunedì 21 gennaio, l'istituto scolastico resterà chiuso.

L'influenza suina, causata dal virus A è, come suggerisce il nome, una malattia che attacca principalmente i suini ma che, come altre malattie degli animali, in rari casi può attecchire anche sull'uomo, causando complicazioni respiratorie anche gravi se non diagnosticata in tempo. L'epidemia più famosa quella causata dal ceppo H1N1 in Messico, nel 2009, che provocò la morte di 60 persone. Come si cura?  C'è un vaccino, volto a prevenire l'infezione, ma anche diversi farmaci antivirali in grado di contrastare l'influenza suina, sebbene non sempre vengano raccomandati. Generalmente si agisce contro i sintomi, ad esempio con antipiretici per abbassare la febbre, analgesici contro i dolori e sciroppi per calmare la tosse.