Il pesce sequestrato dalla Guardia Costiera di Ischia.
in foto: Il pesce sequestrato dalla Guardia Costiera di Ischia.

Oltre quaranta chili di prodotti ittici sequestrati dalla Guardia Costiera ad Ischia durante i controlli in un ristorante isolano. L'operazione, coordinata dal Centro di Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Napoli ed eseguita dal personale della Delegazione di Spiaggia di Sant’Angelo della Guardia Costiera di Ischia, è avvenuta nella giornata di oggi. In prevalenza, si è trattato di pesce spada e tonno rosso: erano tenuti in una cella di congelamento del ristorante ispezionato, ed era privo della documentazione per poterne risalire alla provenienza e, dunque, senza tracciabilità. Il ristorante ispezionato è stato anche multato per 1.500 euro, comminate al titolare dell'esercizio commerciale. Tutti gli oltre 40 chili di prodotti ittici sono stati invece sequestrati dal personale della Guardia Costiera.

Sequestro parziale di un lido balneare

Non solo pesce: la Guardia Costiera ha anche scoperto una porzione "abusiva" di una struttura balneare in località San Pietro, sempre sull'isola d'Ischia. Si tratta di un "pezzo" pari a 90 metri quadri, per il quale è stata contestata, fanno sapere dalla Guardia Costiera, "la realizzazione di opere di difficile rimozione senza la prevista autorizzazione ed in difformità alla normativa che disciplina l'uso del demanio marittimo". Deferito quindi all'Autorità Giudiziaria il titolare della struttura, mentre proseguono sul resto dell'isola controlli di questo tipo da parte delle forze dell'ordine che, a stagione estiva ormai iniziata, sono sempre più capillari.