Una parte dei lettini e degli ombrelloni sequestrati dalla Guardia Costiera di Ischia.
in foto: Una parte dei lettini e degli ombrelloni sequestrati dalla Guardia Costiera di Ischia.

Una spiaggia libera che era diventata un vero e proprio lido "abusivo", con centinaia tra ombrellini e lettini sparsi su quello che è suolo demaniale con libero accesso. A porre fine a questa occupazione, senza alcuna autorizzazione, del suolo pubblico, è stata la Guardia Costiera di Ischia assieme al personale del locale comando della Polizia Municipale, che sono intervenuti sul posto alle prima luci dell'alba.

L'operazione si è svolta su tutto il litorale comunale, ed ha portato alla rimozione di circa una ventina di ombrelloni ed oltre 150 tra lettini e sedie da spiaggia: tutto materiale che era stato posizionato in pianta stabile, per "garantire" a chi di dovere di trovare sempre posto in prima fila ed a discapito di chi volesse trascorrere qualche ora in spiaggia liberamente e che avrebbe invece trovato poco spazio a disposizione. Una sorta di metodo per "prenotarsi" i posti migliori, a discapito dunque di tutti gli altri. Una forma, l'ennesima, di prevaricazione pari a quelle che mettono in atto coloro che pongono degli "ostacoli" a lato dei marciapiedi per "riservarsi" a loro volta i posti auto migliori a qualunque ora del giorno. Durante l'operazione, infatti, non vi era traccia dei rispettivi proprietari, che però continuavano a tenere occupate le migliori posizioni in spiaggia: già nei giorni precedenti all'operazione, le forze dell'ordine avevano effettuato diversi sopralluoghi, scoprendo il modus operandi degli occupanti. Al termine delle formalità di rito, la spiaggia libera è stata così restituita ai cittadini.