Nel corso dell'anno che sta per finire, Luigi De Magistris ha assegnato cittadinanze onorarie come se piovesse, anche con motivazioni francamente risibili per alcuni. Ora, il caso Koulibaly, il difensore francese naturalizzato sengalese del Napoli aggredito con cori razzisti da una frangia di supporter dell'Inter al San Siro di Milano, porrebbe subito il sindaco di Napoli nelle condizioni di ‘abbracciare' il calciatore facendolo diventare napoletano onorario. Perché non lo ha ancora fatto? I presupposti ci sono tutti e ci sono già molte persone che lo chiedono, come chiedono che Koulibaly, in virtù di un sentimento anti-razzista sia capitano del Napoli per le prossime partite, un segnale inequivocabile.

Sul fronte politico Luigi de Magistris avrebbe anche una proposta già formalizzata:il consigliere comunale di maggioranza, Nino Simeone, ha proposto all'aula di firmare la richiesta, da sottoporre al sindaco de Magistris, per conferire la cittadinanza onoraria di Napoli al difensore.