Anche se i risultati verranno consegnati nelle mani dei magistrati della Procura di Salerno, che indagano, soltanto tra una settimana, arrivano le prime indiscrezioni sull'autopsia effettuata sul corpo di Nicola Marra, il ragazzo napoletano di 21 anni morto cadendo da un dirupo a Positano, nel Salernitano, la notte tra il sabato e la domenica di Pasqua, dopo aver trascorso con gli amici una serata in una discoteca della zona. Come riporta Il Mattino, i risultati dell'esame autoptico, effettuato al Policlinico della Federico II a Napoli dal professor Pietro Tarsitano, hanno indicato la presenza nel sangue di Nicola, oltre che dell'alcol, anche di sostanze chimiche.

La quantità di alcol rinvenuta nel sangue del 21enne, però, sarebbe tale da non giustificare un comportamento così anomalo: Nicola, una volta uscito dal locale, era molto agitato, tanto che ha deciso di lasciare gli amici e di incamminarsi per le stradine di Positano da solo. Le ultime immagini che si hanno di Nicola vivo, quelle delle telecamere di sorveglianza del paesino della Costiera, mostrano il ragazzo che, a torso nudo, con la camicia tra i denti, cammina per strada. Ad ogni modo, per fare luce sulla natura delle sostanze chimiche trovate nel sangue del 21enne, bisognerà effettuare esami più approfonditi.