836 CONDIVISIONI
4 Gennaio 2017
18:51

La brutta pubblicità di Dacia e Salvatore Esposito su Napoli a Capodanno

Ma che schifezza è, quella pubblicità in cui si vede Napoli invasa dalla monnezza, dal caos e dall’illegalità la notte di Capodanno? Perché mischiare e mistificare realtà e fantasia per vendere un’auto?
836 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
R2

Quando ho visto il video la prima cosa che ho pensato è: ma che tengono da ridere e festeggiare? E che  cazzo di pubblicità è? Sicuramente non è un buon servizio a Napoli, dipinta come un coacervo di imbecilli che a Capodanno lanciano cose dal balcone, piazzano cassonetti della monnezza in strada, gettano materassi nei vicoli. Chi vi scrive è perfettamente a conoscenza di fenomeni del genere e da cronista quotidianamente li documenta. Ma a che scopo utilizzarli per la pubblicità di un'autovettura? Non è giornalismo, è uno spot, è marketing, vogliono vendere qualcosa.

E perché Salvatore Esposito, l'attore reso famoso dal ruolo del giovane boss Genny Savastano in Gomorra la Serie se ne compiace a tal punto da accettare di comparire in uno spot del genere? Mischiamo fiction e realtà, perché Napoli si vende sempre, specialmente quando è così? Che c'è da sorridere, ripeto? Cosa c'è di bello e di onorevole nel veder lanciare oggetti, nel vedere un vicolo invaso dalla spazzatura, nel vedere un'auto sulle scale? Non è un film, non è una fiction. Non è giornalismo, non è un racconto. È una pubblicità. Spiace che un attore così noto come Esposito scriva «a prova di vita reale». Spiace  constatare che l'azienda rumena Dacia, gruppo Renault vede Napoli (e i napoletani, potenziali acquirenti) così.

836 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
R2
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni