26 Marzo 2018
22:26

La Pignasecca scende in piazza contro le stese di camorra

Oggi, cittadini, istituzioni, commercianti, associazioni anti-racket e persino rappresentanti della Chiesa sono scesi in strada per dire basta alle stese di camorra e ai soprusi della criminalità organizzata alla Pignasecca, rione nel centro antico di Napoli.
A cura di Valerio Papadia

Una dimostrazione di forza che passa dall'unione, dalla compattezza e da un intento comune: dire basta ai soprusi della criminalità, alle stese della camorra che gettano nel panico. È stato questo l'obiettivo della presa di posizione della gente della Pignasecca, rione del centro antico di Napoli tra Montesanto e via Toledo, che questo pomeriggio è scesa in piazza per dire basta. In strada centinaia di cittadini, commercianti, associazioni anti-racket, perfino rappresentanti della Chiesa, ma anche le istituzioni, come della II Municipalità – Avvocata, Montecalvario, Mercato, Pendino, Porto, San Giuseppe, di cui la Pignasecca fa parte – Francesco Chirico, insieme a assessori e consiglieri del parlamentino, ma anche rappresentanti di altre Municipalità, come la III – Stella, San Carlo all'Arena – con il presidente Ivo Poggiani.

Non a caso, la manifestazione per gridare il dissenso della cittadinanza alla camorra, si è tenuta all'esterno del palazzo colpito dall'ultima stesa nel rione, quella avvenuta nella sera dell'11 marzo scorso, quando numerosi negozi e automobili parcheggiate sono state ricoperte da una pioggia di proiettili. Nemmeno 48 ore prima, nella notte tra il 9 e il 10 marzi, un'altra stesa aveva colpito il negozio di un noto commerciante anti-racket, da sempre impegnato a denunciare le angherie della criminalità organizzata.

"La camorra è una montagna di merda" parla la mamma di Noemi, ferita a 4 anni in un agguato a Napoli
"La camorra è una montagna di merda" parla la mamma di Noemi, ferita a 4 anni in un agguato a Napoli
Berlusconi: "Sono un napoletano nato a Milano", poi l'annuncio: "Scendo di nuovo in campo"
Berlusconi: "Sono un napoletano nato a Milano", poi l'annuncio: "Scendo di nuovo in campo"
Donne e bambini in fuga dalla guerra in Ucraina ospitati nei beni confiscati alla camorra ad Aversa
Donne e bambini in fuga dalla guerra in Ucraina ospitati nei beni confiscati alla camorra ad Aversa
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni