La Prefettura di Salerno ha avviato la procedura per lo scioglimento del consiglio comunale di Pagani: il sindaco eletto lo scorso 9 giugno, Alberico Gambino, è stato dichiarato incandidabile lo scorso 9 ottobre, dopo il ricorso presentato proprio dal Prefetto di Salerno che aveva portato alla sentenza emessa dal Tribunale di Nocera Inferiore. Lo stesso Gambino, che è anche consigliere regionale in Campania, aveva poi già deciso di non presentare appello. Il Comune di Pagani sarà così guidato dalla vicesindaco Anna Rosa Sessa, che assumerà il ruolo di facente funzioni: consiglio e giunta comunale infatti, come previsto dalle normative vigenti, resteranno comunque in carica fino alle prossime elezioni amministrative, che si terranno nella primavera del 2020.

Si allunga dunque la lista di comuni della Campania che si recheranno alle urne nel 2020, anno in cui si voterà anche per le Elezioni Regionali. Oltre alla giunta di Palazzo Santa Lucia, si andrà a votare anche in diverse città della regione per rinnovare gli organi comunali: non ci sono comuni capoluogo, ma ci sono importanti piazze dove si andrà alle urne. In primis, Giugliano in Campania, che supera i centomila abitanti e che dunque costituisce un importante "banco" di prova anche per le Regionali stesse. Le altre città più grandi della Campania dove i cittadini si recheranno alle urne sono Angri, Caivano, Cardito, Casalnuovo di Napoli, Cava de' Tirreni, Eboli, Ercolano, Frattamaggiore, Giugliano in Campania, Marcianise, Marigliano, Mugnano di Napoli, Pomigliano d'Arco, San Giorgio a Cremano, San Nicola la Strada, Sant'Antimo, Sorrento, Terzigno, Trentola Ducenta e, da oggi, anche Pagani. Complessivamente, saranno 73 i comuni campani dove si rinnoveranno gli organi comunali nel 2020, molti dei quali con ogni probabilità nella stessa data in cui si voterà anche per le Regionali.