Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Duri provvedimenti quelli presi dal commissario straordinario dell'Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva, che ai tempi ha avviato una indagine interna, richiedendo l'intervento della commissione disciplinare, nei confronti di quattro dipendenti dell'ospedale Loreto Mare. Una intera equipe medica del nosocomio partenopeo è stata sospesa per aver dimenticato, lo scorso aprile, una pinza, una "suola di scarpa" per la precisione, nell'addome di una paziente, sottoposta a un intervento chirurgico di isterectomia, ovvero l'asportazione dell'utero. I provvedimenti colpiscono il dirigente medico del Reparto di Ostetricia e Ginecologia dell'ospedale e un ginecologo, sospesi per tre mesi senza stipendio, un collaboratore professionale, sospeso per due mesi, e infine un infermiere, sospeso dal servizio per un mese.

Lo scorso 17 aprile, la paziente venne operata al Loreto Mare per una isterectomia. Circa una settimana dopo l'intervento, la donna tornò in ospedale in preda a dolori lancinanti all'addome: gli accertamenti del caso rivelarono che, nella pancia della donna, c'era un corpo estraneo, un particolare strumento chirurgico dimenticato lì dopo l'operazione precedente; la paziente si dovette così sottoporre ad un secondo intervento per rimuovere il corpo estraneo e sanare l'emorragia interna. Nessuno dell'equipe medica, né i chirurghi durante l'intervento, né gli infermieri nel mettere a posto i ferri, si sono accorti della mancanza della "suola di scarpa".