Lavori senza sosta. È questa la decisione di Tangenziale di Napoli Spa riguardo i lavori di manutenzione straordinaria sul viadotto di Capodichino: gli operai lavoreranno 24 ore su 24 al fine di portare a termine gli interventi nel più breve tempo possibile. I lavori sono in corso dalla fine del mese di ottobre e, all'altezza dello svincolo di Corso Malta, hanno ridotto la carreggiata da tre a due corsie, causando notevoli disagi alla circolazione automobilistica. Per alleviare i disagi alla circolazione, fino al 5 novembre il pedaggio della tangenziale è stato gratuito.

Presto potrebbero tornare le tre corsie

Stando a quanto si apprende, la prima fase dei lavori di manutenzione, ovvero quelli in corso sull'impalcato principale, dovrebbe concludersi entro lunedì 11 novembre. Tangenziale fa sapere che, dopo aver valutato tutte lo stato dei lavori e tutte le opzioni con il Mit, a partire da questa data si valuterà il ripristino della circolazione automobilistica sulle tre corsie. La limitazione riguarderebbe, come adesso da Fuorigrotta in poi, i soli mezzi pesanti, quelli superiore alle 7,5 tonnellate di peso, a cui è interdetta la circolazione fino ai primi mesi del 2020. Dall'11 novembre in poi i lavori dovrebbero svolgersi soltanto nelle ore notturne.

I lavori dovrebbero essere ultimati entro la fine del 2019

Il cronoprogramma stilato da Tangenziale di Napoli Spa prevede la fine dei lavori entro il 31 dicembre del 2019. Come dimostrano le intenzioni di Tangenziale, con l'accelerazione dei lavori e la volontà di riaprire le tre corsie dopo l'11 novembre, gli interventi sul viadotto di Capodichino potrebbero concludersi anche prima. Purtroppo, però, si tratta di un cronoprogramma, che potrebbe anche non essere rispettato, facendo slittare la fine dei lavori all'inizio del 2020.