Le frasi di Massimo Troisi illumineranno il Natale di San Giorgio a Cremano, sua città d'origine. L'iniziativa della città amministrata da Giorgio Zinno per Natale 2019 è stata annunciata in questi ultimi giorni, e punterà a valorizzare la figura dell'artista partenopeo, nato e cresciuto nella cittadina vesuviana che ancora oggi vede in lui il suo esponente più rappresentativo. "Quest'anno, il Natale di tutti i sangiorgiesi sarà nel nome di Massimo Troisi", ha spiegato lo stesso Zinno, "riconoscendo il suo valore di artista e concittadino e proseguendo quel percorso di recupero del suo nome e della sua immensa arte, iniziato con il ripristino del Premio Troisi e portato avanti con Casa Massimo Troisi e i murales a lui dedicati. Oltre a queste uniche luminarie, saranno installate altre luci sul territorio, perché tutti abbiano la possibilità di godere delle atmosfere tipiche del Natale, valorizzando sempre più il legame con la propria città".

Il prezzo delle luminarie, fa sapere il Comune, sarà di soli cinquemila euro, grazie ai fondi ricevuti dalla Camera di Commercia e da Città Metropolitana. "Ringraziamo gli enti che hanno approvato la nostra proposta, comprendendo a pieno lo spirito con cui ci rivolgiamo alla città che è quello della valorizzazione del territorio e delle attività commerciali", ha aggiunto il vicesindaco Michele Carbone. Anche l'assessore alle attività produttive, Grazia Esposito, ha aggiunto che "la sinergia pubblico-privato sarà visibile anche nella splendida Villa Vannucchi, dove vi saranno installazioni luminose, mercatini ed eventi aperti alla città". Tra le frasi che illumineranno il Natale di San Giorgio a Cremano, ci saranno "Robè và mmiezo ‘a strada, tuocca ‘e femmene" (Robè, vai in mezzo alla strada e tocca le femmine, ndr), "Quando c'è l'amore, c'è tutto. No, chella è ‘a salute", "La poesia non è di chi la scrive, ma di chi gli serve", "Voi siete napoletano? Sì, ma non emigrante" ed infine "Io non sono napoletano. Sono di San Giorgio a Cremano". Frasi che appartengono ad alcuni dei suoi più grandi film come "Ricomincio da tre" e "Il Postino".