Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

È stata effettuata questa mattina, all'ospedale Luigi Curto di Polla, l'autopsia sul corpo di Luigi Marino, il bimbo di 3 anni morto schiacciato da una cisterna, lo scorso 4 settembre, a Montesano sulla Marcellana, nella provincia di Salerno. L'esame autoptico ha rivelato che il piccolo è deceduto a causa di uno schiacciamento cranico. Il prossimo mercoledì, 11 settembre, nella chiesa del Sacro Cuore Eucaristico di Montesano Scalo, alle 10.30, si svolgeranno i funerali del bambino.

I genitori di Luigi indagati per omicidio colposo

La tragedia, come detto, si è verificata nella tarda serata dello scorso 4 settembre. Il bimbo di 3 anni si trovava in compagnia dei genitori in un terreno agricolo poco distante dalla loro abitazione quando una cisterna piena d'acqua, poggiata su un carrello, è caduta e ha travolto il piccolo: il dramma si è compiuto dunque sotto gli occhi della mamma e del papà del piccolo, che hanno assistito impotenti alla scena. Soccorso dai sanitari del 118, Luigi è stato trasportato d'urgenza al Pronto Soccorso dell'ospedale Luigi Curto di Polla, dove purtroppo è deceduto a causa delle gravi ferite riportate. Sulla vicenda indagano i carabinieri della compagnia di Sala Consilina, coordinati dalla Procura di Lagonegro: i genitori del piccolo sono stati iscritti nel registro degli indagati con l'accusa di omicidio colposo. Si tratta, come fanno sapere gli inquirenti, di un atto dovuto.