Tre ragazzi di Maddaloni, tutti minorenni, sono stati arrestati dai carabinieri di Caserta per rapina e sequestro di persona: sono accusati di avere adescato online un 32enne, di averlo picchiato, chiuso nel bagagliaio della sua auto e di avergli portato via soldi e una PostePay. I tre sono stati incastrati dalle indagini dei militari, avviate subito dopo la denuncia della vittima, un 32enne di Nocera Inferiore (Salerno); sono stati accompagnati nei carceri minorili di Airola, in provincia di Benevento, e di Nisida, a Napoli, in esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale per i Minorenni di Napoli.

I fatti contestati risalgono allo scorso 17 dicembre 2019, quando il 32enne è arrivato in automobile nella zona di Maddaloni, dove aveva un appuntamento con uno dei tre ragazzini in un luogo isolato. All'incontro ci ha trovato però anche gli altri due. I tre, un 15enne, un 16enne e un 17enne, lo hanno aggredito, rileva il gip nell'ordinanza, "con violenza gratuita, crudeltà disumana e privazione della libertà personale": lo hanno colpito ripetutamente con calci e pugni alla schiena, lo hanno rapinato del cellulare, di una stecca da biliardo del valore di 400 euro, di 60 euro in contanti e della carta PostePay e lo hanno rinchiuso nel bagagliaio della sua automobile; con la carta, recuperato anche il codice pin, hanno poi effettuato un prelievo di 520 euro presso un ufficio postale.

Per individuarli, i carabinieri della stazione di Caserta hanno utilizzato anche le immagini di alcune telecamere di sorveglianza installate nei pressi del bancomat postale. I tre sono responsabili anche di un altro episodio, avvenuto pochi giorni dopo nella stessa zona: con modalità simili venne rapinato un uomo di 41 anni nel giorno di Santo Stefano, il 26 dicembre; i ragazzi erano stati individuati, sottoposti a fermo e accompagnati nel Centro di Prima Accoglienza dei Colli Aminei, a Napoli.