Violento nubifragio su Napoli e provincia nella giornata di oggi: e la città si è ritrovata praticamente allagata, con le strade trasformate in veri e propri fiumi, la circolazione in tilt visto anche il contemporaneo stop della Linea 1 della metropolitana e l'impossibilità oggettiva di spostarsi anche a piedi vista anche una violenta grandinata che, a ora di pranzo, ha colpito l'intero capoluogo. Una giornata tremenda dal punto di vista meteorologico, che ha visto cadere su Napoli una quantità enorme di acqua piovana che ha mandato in tilt l'intero sistema di smaltimento delle acque reflue napoletane, da sempre in una situazione di particolare criticità quando i temporali si abbattono sulla città. Le strade, così, sono diventati veri e propri fiumi torrenziali, con pericoli fin troppo evidenti per automobilisti e pedoni.

Disagi anche per la provincia, con la linea della Circumvesuviana interrotta per un allagamento nella stazione di Scafati: di conseguenza, i treni da Napoli per Poggiomarino e viceversa, si interrompono a Pompei. Non solo acqua e grandine: a cadere sono stati anche centinaia di fulmini, che in poche ore hanno tempestato Napoli e provincia, nonché il golfo partenopeo. Il mare, particolarmente agitato, ha messo anche in difficoltà gli spostamenti per via marittima, e non si contano le onde che, infrangendosi contro gli scogli, sono quasi arrivate anche sul Lungomare della città partenopea. La Protezione Civile aveva del resto già avvisato che per oggi erano previste piogge e temporali con livelli di criticità idrogeologiche importanti: allerta meteo che, inizialmente prevista solo fino alle 9 di questa mattina, è stata quest'oggi prorogata sempre dalla Protezione Civile almeno fino alle 6 di venerdì mattina, confermando dunque che si profila un fine settimana ad alto rischio idrogeologico.