"Voglio solo parlare un po', sono sola, i miei figli sono lontani". Questo il messaggio di aiuto lanciato da un'anziana di Marano, comune dell'hinterland Nord di Napoli, che la sera della vigilia di Natale ha chiamato il centralino dei carabinieri, raccontando la sua condizione di solitudine cercando qualcuno con cui parlare proprio la sera in cui tutte le famiglie sono riunite insieme attorno alla tavola aspettando la mezzanotte.

La signora, novant'anni compiuti e invalida, ha così ricevuto la visita dei militari della stazione locale che, volentieri, hanno impiegato parte del loro turno di servizio per darle un po' di conforto e compagnia. I carabinieri hanno poi segnalato la condizione della signora ai servizi sociali comunali: la solitudine, soprattutto in età avanzata, può essere pericolosa come e più di una malattia.

Lo scorso 10 luglio una vicenda simile è avvenuta a San Carlo all'Arena, quartiere del centro antico di Napoli. Protagonista una signora di 92 anni che ha chiamato i carabinieri denunciando un furto in casa. Quando i militari sono arrivati nel suo appartamento però hanno capito subito che qualcosa non quadrava nel suo racconto Dopo qualche minuto è così uscita fuori la verità: la donna ha spiegato di aver chiamato la rapina per bisogno di un po' di compagnia.