Il rapinatore ha parcheggiato in modo da bloccare la sua automobile, è sceso e gli ha ordinato di consegnare i soldi. Quando lui si è rifiutato, ha tirato fuori un mitra dal cofano e glielo ha puntato contro. Almeno, così era parso alla vittima: in realtà quello che l'uomo aveva tra le mani era un cric che, a causa del buio e del modo in cui lo stava imbracciando, era riuscito a far sembrare un mitragliatore. La rapina è avvenuta intorno alle 21.30 di ieri, 26 maggio, sulla strada tra Caivano e Marcianise, tra le province di Napoli e Caserta.

La vittima, un 40enne, era nella sua automobile poco distante dal centro commerciale Campania quando è arrivato il criminale, successivamente identificato in Michele Franzese, 37enne di Frattamaggiore, pregiudicato. L'uomo era a bordo di un'utilitaria, si è fermato davanti alla vittima in modo da impedirle di scappare e l'ha minacciata prima a voce, poi ha preso il cric dal cofano e l'ha puntato come se fosse un fucile mitragliatore.

Il 40enne, credendo di essere sotto mira, ha consegnato tutto quello che aveva in tasca, 20 euro. Appena il criminale si è allontanato ha chiamato le forze dell'ordine e ha denunciato di essere stato appena rapinato da un uomo armato di mitra. I carabinieri della Tenenza di Caivano hanno avviato le ricerche e hanno intercettato il rapinatore lungo la strada statale; il 37enne, appena ha visto i militari e si è accorto di essere seguito, ha accelerato e ha tentato di scappare, ma è stato tallonato per diversi chilometri e alla fine si è arreso ed ha accostato.

Durante la perquisizione non sono state trovate armi da fuoco, ma nel cofano c'era il cric: a mente fredda, la vittima ha capito di essere stata minacciata con quello. Il 37enne è è stato sottoposto ai domiciliari in attesa del processo, il bottino è stato recuperato e restituito al 40enne.