Maxi-sequestro di alimentari da parte delle forze dell'ordine a Marigliano, nell'hinterland napoletano. Oltre cento chili di merce sequestrata, e che sarà distrutta, da parte dei carabinieri forestali, che in questi giorni stanno intensificando i controlli, alimentari e non solo, in tutta la regione.

Il blitz è avvenuto in diversi negozi alimentari tra Marigliano e Roccarainola, ed ha portato al sequestro di circa cento chili tra pane, formaggi, pangrattato, insaccati e legumi, tutti risultati privi della prescritta, quanto obbligatoria, rintracciabilità. Il valore della merce sequestrata, e che sarà distrutta, è di circa millecinquecento euro.

Solo ieri erano state sequestrate a Fisciano, nel salernitano, ben dodici tonnellate di conserva di pomodoro, che hanno portato il quantitativo di "oro rosso" sequestrato negli ultimi dodici mesi dai militari dell'arma ad oltre novantadue tonnellate. Pochi giorni prima, a Torre Annunziata, era toccato a ben cento chili di pesce in cattivo stato venduto per strada.