@Mario Spada
in foto: @Mario Spada

Masaniello, personaggio storico e maschera della napoletanità. Si presenta oggi, 12 febbraio alla Chiesa di S. Aniello a Caponapoli, alle ore 17, il volume "Masaniello", progetto in forma di libro de Iilfilodipartenope pubblicato nella collana Operette, collana che raccoglie traduzioni di senso e non letterali di canzoni popolari. Al poeta-scrittore è affidata la traduzione allegorica e di senso del testo, in questo caso "’O cunto ’e Masaniello" di Roberto De Simone. Agli artisti è chiesto di tradurre in segno le parole dello scrittore ed il testo della canzone, realizzando opere originali di piccolo formato. Parole intrecciate sul filo della materia, fili di editoria artigiana nati da un’idea e da un progetto editoriale del laboratorio di Lina Marigliano e Alberto D’Angelo, nel cuore di Partenope.

Il testo è di Italo Ferraro, gli artisti a cui è stata affidata la traduzione in segno sono Michele Attianese con disegni a grafite e olio su carta e Mario Spada con fotografie originali stampate su carta fineart. All’interno del libro anche il testo de ’O cunto ‘e Masaniello di Roberto De Simone con la riproduzione del manoscritto della struttura musicale del canto ed una nota introduttiva di Massimiliano Virgilio. La tiratura è di 100 copie numerate e firmate con due opere originali di Michele Attianese e 100 copie numerate e firmate con due fotografie originali di Mario Spada. Un bel bouquet di artisti messi insieme da Alberto D'Angelo e Lina Marigliano, per raccontare "Masaniello" che, come si legge nell'introduzione, è:

La maschera eccellente e porosa che tutto assorbe della napoletanità e della napoletanità tutto riflette, come se dalle froge e dagli occhi della sua bautta ne uscissero i raggi luminosi di un’appartenenza sbilenca, di un discorso iniziato, di un cunto ininterrotto ed eterno.