Un'intera giornata dedicata al ricordo di Massimo Troisi, l'attore napoletano scomparso il 4 giugno del 1994. Nel venticinquesimo anniversario della morte, nella sua città natale di San Giorgio a Cremano ci saranno tantissimi appuntamenti per ricordare lo sfortunato artista, scomparso all'età di 41 anni poche ore dopo la fine delle riprese del film "il Postino", per un arresto cardiaco che lo stroncò dopo aver già sofferto per anni di problemi al cuore. Le sue spoglie riposano nel cimitero di San Giorgio a Cremano, la sua città natale dove sono sepolti anche i genitori: e proprio nella cittadina ai piedi del Vesuvio sono stati organizzati come di consueto diversi eventi per ricordarlo.

Il primo appuntamento è previsto per le 10, proprio al cimitero cittadino: verranno deposti fiori sulla sua tomba con una cerimonia pubblica particolarmente sentita. Poi, alle 18.30, alla biblioteca Padre Alagi di Villa Bruno, si terrà l'evento "Da Massimo in poi", dove oltre a ricordare l'artista napoletano, con immagini ed interviste inedite alla presenza della docente di Letteratura teatrale italiana dell'Università Federico II di Napoli, Giuseppina Scognamiglio, verrà anche proiettata una delle prime opere del regista Paolo Sorrentino, che nel 1998 partecipò al Premio Massimo Troisi, nonché il corto "Le Sconfessioni", del giovane regista di San Giorgio a Cremano Pasquale Cangialo, ed altri ancora. Inoltre, verrà annunciata la prima edizione del Cremano Film Festival, kermesse dedicata proprio agli artisti emergenti del territorio sangiorgese. Agli eventi parteciperanno anche il sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno, e l'assessore alla culture Pietro De Martino.