14.212 CONDIVISIONI
Opinioni
15 Gennaio 2019
14:05

Matteo Salvini vada subito ad Afragola, dove lo Stato non c’è più

Matteo Salvini che fa? Ad Afragola, popoloso comune della provincia Nord di Napoli sembra di essere in uno scenario di guerra: otto bombe in un mese, residenti terrorizzati, una camorra che dopo inchieste e condanne si sta riorganizzando per rimettere al comando un nuovo clan e imporre estorsioni e monopolio dei traffici illeciti. Il ministro dei giubbotti ne indossi uno – antiproiettile, perché purtroppo il rischio è che ce ne sia bisogno – e vada subito ad Afragola a rappresentare lo Stato.
14.212 CONDIVISIONI

Otto bombe in un mese, organizzazioni criminali fameliche che  – dopo la parziale dissoluzione di un assetto camorristico potentissimo e pluridecennale – si sono avventate su Afragola, hinterland Nord di Napoli, con la furia famelica di un predatore.

Matteo Salvini cosa fa? In queste settimane  ha indossato giubbotti di tutte le forze dell'ordine italiane. Ora indossi il giubbotto antiproiettile – perché purtroppo il rischio è che ad Afragola ce ne sia bisogno – e venga subito nella zona a Nord del  capoluogo campano, dove c'è odore di esplosivo e fumo di negozi a fuoco. Le tante persone perbene che vivono in quest'area non meritano uno scenario degno di un territorio di guerra; bene ha fatto Andrea Caso, esponente M5S della commissione Antimafia che ha annunciato «presto un vertice per fare il punto della situazione», seguito da Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare Antimafia: «A breve visiterò la procura di Napoli e la DDA per avere un quadro chiaro di tutto il territorio».

Ma nel frattempo il ministro dell'Interno, dei giubbotti, delle dirette, delle promesse e dei selfie dov'è? Quando si tratta di combattere davvero e non su Instagram, Matteo Salvini c'è?

14.212 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Processo a Saviano: perché ho detto
Processo a Saviano: perché ho detto "Bastardi, come avete potuto" a Giorgia Meloni e Matteo Salvini
777.420 di Saverio Tommasi
Paolo mandato via dal pronto soccorso:
Paolo mandato via dal pronto soccorso: "Torni domani mattina o vada in un altro ospedale"
947 di Videonews
"Dovete visitarmi subito": picchiato un medico del Pronto Soccorso a Napoli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni