Un fine settimana all'insegna dell'instabilità quello che sta per arrivare su Napoli e la Campania. Le belle giornate praticamente primaverili di questi giorni saranno per un po' soltanto un ricordo: l'anticiclone che, stabilizzatosi sull'Italia ed in particolare al centro-sud, aveva regalato un vasto anticipo di primavera a Napoli e a tutto il resto della regione, sarà un ricordo. Si sposterà infatti verso i Balcani facendo spazio ad una perturbazione in arrivo dal nord Atlantico e che già nelle prossime ore avvolgerà il nord Italia per poi arrivare, sabato, su Napoli e sulla Campania.

Al capoluogo partenopeo e al resto della regione, andrà comunque meglio rispetto al resto d'Italia: se al Nord si prevede la neve già dai rilievi alpini superiori ai 500 metri e sugli appennini emiliani agli 800, per vedere la neve al centro-sud bisognerà salire a quota 1200 metri. Di fatto, Napoli sarà risparmiata: qualche nevicata potrebbe invece verificarsi nelle zone interne dei rilievi irpini ed in particolare nella zona del Lago Laceno, da sempre uno dei primi posti dove la neve cade per prima.

Sabato 18 gennaio, il clima sarà caratterizzato, su Napoli e sulla Campania da piogge sparse: un'instabilità alla quale non seguirà un brusco calo delle temperature, che si terranno anzi stabili attorno ai quindici gradi di massime. Domenica 19 gennaio, le piogge lasceranno spazio alla nuvolosità diffusa, con un rischio piogge decisamente basso. Anche in questo caso, temperature stabili e leggermente al di sopra delle medie stagionali. Da lunedì, il tempo sarà incerto: colpa del maltempo che arriverà dal Tirreno, e che potrebbe portare anche sulla Campania e sulle coste tirreniche ad improvvisi rovesci, seppur di carattere non temporalesco.