Una fiammata vera e propria quella che in queste ore è già arrivata in Campania e che nel fine settimana porterà ad un clima estivo vero e proprio. A Napoli quest'oggi, giovedì 14 maggio, si sfiorano già i 30 gradi che saranno raggiunti già domani. Nel fine settimana del 16-17 maggio, le massime supereranno quota trenta, dando quindi la sensazione di ritrovarsi già nel cuore dell'estate. Per questo aumento anomalo di temperature la "colpa" va divisa tra un anticiclone proveniente dal nord Africa e tra il forte vento di scirocco che sta soffiando sulla Campania tutta. E che sta portando, tra le altre cose, oltre ad un aumento della temperatura, anche la sabbia del deserto.

Napoli questa mattina si è presentata infatti ricoperta da quella che è la tipica sabbia del deserto del Sahara, portata dal vento di scirocco fino in Campania. Si tratta di sabbia portata fin dal cuore del Sahara che, dopo aver ricoperto Sardegna e Sicilia, sono state "dirottate" verso la Campania da un anticiclone subtropicale spinto da un vortice di depressione proveniente da occidente. I risultati non si sono fatti attendere: temperatura in forte aumento, e pioggia di sabbia su tutto il capoluogo partenopeo ma anche nelle zone interne. Il forte vento ha spinto la sabbia del Sahara fino ad Avellino, che questa mattina si è risvegliata a sua volta con un cielo nuvoloso e rossiccio. Tempi duri per chi soffre di allergie stagionali e già costretto dalla pandemia di coronavirus ad uscire con la mascherina, visto che si tratta di persone a cui le allergie causano lacrimazione dagli occhi e difficoltà respiratorie. Anche perché la sabbia arrivata dal deserto, resterà nell'aria ancora diverso tempo: serviranno le piogge, attese per settimana prossima, per ripulire l'aria e restituire un po' di tregua agli allergici e non solo.