immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

La Polizia Ferroviaria ha arrestato una banda di quattro borseggiatori che erano diventati il tormento dei viaggiatori sulla Linea 1 della Metropolitana di Napoli. I ladri sono stati bloccati nel pomeriggio di ieri, 13 gennaio, in due distinte operazioni, nelle stazioni Dante e Materdei, subito dopo i furti ai danni di un uomo e due donne. I quattro agivano in coppia, seguendo lo stesso schema: uno pensava al diversivo e a distrarre l'obiettivo, l'altro commetteva il furto. Una volta individuata la vittima, scelta tra i passeggeri e in momenti di calca, il primo le si metteva davanti per rallentarla e l'altro, da dietro, infilava la mano nella tasca dei vestiti o della borsa prendendo cellulari e portafogli.

I primi due borseggiatori sono stati notati dalla squadra di Polizia Giudiziaria Compartimentale della Polfer in piazza Garibaldi, stavano scrutando tra i passeggeri e i bagagli; gli agenti li hanno seguiti a distanza fino alla fermata Toledo, dove li hanno visti mentre, approfittando della ressa di persone, prendevano il portafogli dalla tasca di un anziano viaggiatore; i ladri subito dopo il colpo si sono allontanati e hanno cercato di uscire dalla metropolitana ma sono stati fermati nella stazione Dante e arrestati per furto aggravato in concorso.

Gli altri due borseggiatori sono stati invece fermati da un'altra pattuglia. Anche loro al "lavoro", non si erano accorti di essere seguiti dagli agenti e, mentre venivano monitorati, hanno derubato una viaggiatrice del portafogli e un uomo del telefono cellulare. La refurtiva, recuperata nei tre casi, è stata restituita ai proprietari dopo le formalità di rito. Altri quattro borseggiatori erano stati arrestati a dicembre, sempre dalla Polfer: in quel caso il loro "territorio di caccia" era la Circumvesuviana.