La grande Mia Martini amò tantissimo la  città di Napoli e la musica napoletana, quella tradizionale ma anche quella moderna, i vecchi maestri della melodia e i nuovi interpreti autori. Negli anni immediatamente precedenti alla sua drammatica morte, avvenuta il 12 maggio 1995 quando a soli 47 anni Domenica Rita Adriana Berté in arte Mia Martini fu trovata priva di vita in casa, la straordinaria interpretate aveva un legame forte con la canzone partenopea di ieri e di oggi. Nel 1992 all'interno dell'album ‘Ottantavoglia di cantare' del napoletano Roberto Murolo, Mimì interpretò la canzone "Cu ‘mme" scritta per Murolo da Enzo Gragnaniello. Fu un clamoroso successo, in seguito al quale, nel 1993, il trio Murolo – Martini – Gragnaniello incise un l'album.


Scinne cu ‘mme
nfonno o mare a truva'
chillo ca nun tenimmo acca'
vieni cu mme
e accumincia a capi'
comme e' inutile sta' a suffri'
guarda stu mare
ca ci infonne e paure
sta cercanne e ce mbara'
ah comme se fa'
a da' turmiento all'anema
ca vo' vula'
si tu nun scinne a ffonne
nun o puo' sape'
no comme se fa'
adda piglia' sultanto
o mare ca ce sta'
eppoi lassa' stu core
sulo in miezz a via
saglie cu ‘mme
e accumincia a canta'
insieme e note che l'aria da'
senza guarda'
tu continua a vula'
mientre o viento
ce porta la'
addo ce stanno
e parole chiu' belle
che te pigliano pe mbara'
ah comme se fa'
a da' turmiento all'anema
ca vo' vula'
si tu nun scinne a ffonne
nun o puo' sape'
no comme se fa'
adda piglia' sultanto
o mare ca ce sta'
eppoi lassa' stu core
sulo in miezz a via
ah comme se fa'
a da' turmiento all'anema
ca vo' vula'
si tu nun scinne a ffonne
nun o puo' sape'
no comme se fa'
adda piglia' sultanto
o mare ca ce sta'
eppoi lassa' stu core
sulo in miezz a via