Vasta operazione della Guardia di Finanza a salvaguardia dell'ambiente marino. I militari delle Fiamme Gialle di Castellammare di Stabia, allertati dalla Sala Operativa del Comando Provinciale di Napoli, sono intervenuti nello specchio d'acqua di Marina della Lobra, a Massa Lubrense, nella Penisola Sorrentina: qualcuno aveva segnalato, nel cuore della notte, al presenza sospetta di una forte luce in mare. I finanzieri hanno così seguito il bagliore, identificando così tre pescatori di frodo e sequestrando ben 1.400 ricci di mare, la cui pesca è vietata.

Quando i militari delle Fiamme Gialle sono giunti sul posto due uomini stavano attendendo una terza persona, un sommozzatore, che si era immerso per pescare i ricci dal fondale. I tre uomini sono stati identificati e sanzionati con una multa di cinquemila euro, mentre la loro attrezzatura è stata posta sotto sequestro. Anche i 1.400 ricci sono stati sequestrati e poi rilasciati nuovamente in mare.