Il procuratore capo di Napoli Giovanni Colangelo ha da qualche tempo una scorta rafforzata. Motivo: ci sarebbero organizzazioni criminali che negli ultimi tempi si sono informate su stili di vita, abitudini e percorsi del capo della Procura della Repubblica di Napoli. Lo rivela Il Mattino riferendo che ci sarebbe un testimone di giustizia che ha svelato un possibile piano per colpire il magistrato che da 3 anni guida la procura partenopea, una delle più attive vista la recrudescenza di episodi criminali. Il collaboratore di giustizia appartiene alla Sacra Corona Unita e avrebbe parlato nell'ambito di una inchiesta aperta a Bari.

Del fatto si è parlato anche nell'ultimo comitato ordine pubblico e sicurezza a Napoli, col ministro Angelino Alfano e il vicepresidente del Csm Giovanni Legnini. Solidarietà al magistrato dalla presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Rosy Bindi: "La mia solidarietà e affettuosa vicinanza al procuratore capo di Napoli, Giovanni Colangelo. Sono certa che non verra' meno il suo impegno nella lotta ai poteri criminali e il rigore e la grande professionalità con cui persegue il rispetto della legalità in un territorio tra più difficili e violenti".