1.988 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Giugno 2020
14:14

Mondragone, zona rossa Covid, si rischia lo scontro fra italiani e comunità bulgara

A Mondragone aumenta la tensione tra i residenti e gli occupanti abusivi delle palazzine ex Cirio, dove negli ultimi giorni è stato scoperto un focolaio di coronavirus (al momento i positivi sono 30). Alcuni cittadini hanno accusato la comunità bulgara, radicata nelle palazzine, della diffusione del contagio, anche se non esistono riscontri oggettivi.
A cura di Nico Falco
1.988 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

A Mondragone resta alta la tensione dopo la scoperta dei casi di coronavirus nel comprensorio dei palazzi ex Ciro, che da anni sono occupati abusivamente da stranieri, tra i quali c'è una radicata comunità bulgara. Dopo l'emersione dei primi casi è stato avviato uno screening a tutti i residenti; restano ancora alcune decine di tamponi da analizzare.

I residenti dei palazzi ex Cirio sarebbero circa 700, ma su questo aspetto non esistono dati certi: proprio il fatto che gli appartamenti siano abitati abusivamente e che non esista un censimento degli alloggi rende il numero degli occupanti legato soltanto a una stima di massima.

Per il momento i contagiati sono 30, per la maggior parte appartenenti alla comunità bulgara. E proprio questo aspetto è alla base dello scontro: diversi cittadini della zona hanno direttamente accusato i bulgari della diffusione del contagio, anche se non esistono dei dati oggettivi a riscontro.

A incidere su questa visione, anche il fatto che l'area ex Cirio, seppur si trovi al centro di Mondragone, ha da sempre costituito un comprensorio a sè, mai oggetto di reali interventi di integrazione. Non ci vivono soltanto bulgari, ma anche moltissimi stranieri provenienti da altri Paesi. E, oltre a fare da dormitorio per i braccianti, anche stagionali, che arrivano per lavorare nei campi di Mondragone e Castel Volturno, quelle palazzine hanno avuto lo stesso destino di tutti i casermoni di periferia: sono diventate anche il rifugio di piccoli criminali. Tutte situazioni che, con il focolaio di Covid-19, rischiano di rendere ancora più profonda la spaccatura col rischio di arrivare allo scontro.

1.988 CONDIVISIONI
31623 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni