Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Un uomo di 41 anni è stato arrestato a Secondigliano, quartiere della periferia settentrionale di Napoli, con l'accusa di maltrattamenti in famiglia: l'uomo avrebbe infatti preso a pugni e morsi la sorella, affetta da disabilità, senza motivo. Stando a quanto si apprende, i carabinieri della locale stazione, allertati dai vicini di casa, sono intervenuti nell'appartamento del 41enne – già noto alle forze dell'ordine e sottoposto agli arresti domiciliari per reati legati alla droga – dove hanno appurato che l'uomo aveva colpito la sorella, portatrice di handicap, con pugni al volto, prendendola anche a morsi alla schiena, a un braccio e al collo.

La donna è stata soccorsa dal 118 e trasportata al Pronto Soccorso dell'ospedale più vicino, dove i medici le hanno riscontrato un ematoma e una escoriazione al sopracciglio con conseguente perdita di sangue, oltre ai segni dei morsi: le ferite sono state giudicate guaribili in dieci giorni. Non è ancora chiaro il motivo che avrebbe scatenato la furia dell'uomo, che si è accanito sulla sorella. Il 41enne è stato arrestato dai militari dell'Arma con l'accusa di maltrattamenti in famiglia: per lui si sono aperte le porte del carcere.