Eduardo Estatico, il 72enne deceduto all’ospedale San Paolo dopo sei ore di attesa. [Foto / Fanpage.it]
in foto: Eduardo Estatico, il 72enne deceduto all’ospedale San Paolo dopo sei ore di attesa. [Foto / Fanpage.it]

La Procura della Repubblica di Napoli ha iscritto nel registro degli indagati quattro persone per il reato di omicidio colposo in cooperazione. E' questo il primo sviluppo sulla vicenda di Eduardo Estatico, il il 72enne napoletano deceduto al pronto soccorso dell'ospedale San Paolo di Fuorigrotta lo scorso 9 febbraio. Lo ha reso noto la famiglia nella tarda mattinata di oggi, a quasi una settimana dal decesso dell'uomo.

L'avvocato della famiglia di Estatico, Michele Tarasco, ha già fatto sapere che nominerà un proprio consulente medico legale, in vista dell'autopsia sul corpo dell'uomo che si terrà nei prossimi giorni. Domani mattina alle 10.30, invece, il Pubblico Ministero procedente conferirà l'incarico al pool di consulenti individuati per l'esame autoptico, dal quale si spera di ottenere nuovi indizi sul decesso dell'uomo. Stando alle ricostruzioni effettuate finora, l'uomo sarebbe rimasto in attesa di essere visitato all'interno del pronto soccorso del nosocomio napoletano per sei ore, lamentando forti dolori all'addome. I familiari, dopo la tragedia, hanno quindi sporto denuncia per capire cosa sia accaduto in quelle ore e come si sia arrivati al decesso dell'uomo. Secondo quanto raccontato dal nipote dell'uomo ai microfoni di Fanpage.it, "intorno a lui ho visto solo indifferenza, un uomo di quell'età e cardiopatico che si contorceva dal dolore, lasciato su una sedia in attesa". Il settantaduenne era già stato portato nello stesso ospedale quattro giorni fa, lamentando già forti dolori addominale. I sanitari gli avrebbero diagnosticato quindi una banale influenza, per poi tornare al pronto soccorso sabato scorso, dove ha poi trovato suo malgrado la morte.