Emiddio Novi
in foto: Emiddio Novi

Emiddio Novi è morto oggi nel suo paese natale, Sant'Agata di Puglia. A darne notizia il figlio Errico, sulla pagina Facebook dell'ex senatore: "Lo ha portato via un tragico ed assurdo incidente. Se ne è andato troppo presto, ed il vuoto che lascia è incolmabile". Novi, napoletano di fatto anche se nato nel Foggiano, 72 anni d'età, ex senatore di Forza Italia, era stato parlamentare dal 1994 al 2008. Già direttore de Il Giornale di Napoli nonché candidato del PdL a sindaco di Napoli nelle elezioni Amministrative del 1997, fu sconfitto da Antonio Bassolino e dopo restò in Sala dei Baroni da consigliere comunale fino al 2001 come capogruppo di Forza Italia.

Drammatica la dinamica dei fatti: Emiddio Novi è morto schiacciato da un camion di rimozione di rifiuti, in retromarcia in piazza XX Settembre. L'uomo era a Sant'Agata di Puglia, provincia di Foggia, per le vacanze. L'autista del mezzo pubblico è stato sottoposto ad alcol test e potrebbe essere nelle prossime ore indagato per omicidio colposo.  "Un grande lutto per la nostra comunità – ha commentato il sindaco di Sant'Agata di Puglia, Gino Russo. Ci stringiamo intorno alla famiglia Novi". "Onore a Emiddio Novi, giornalista di razza e senatore – L’Ordine della Campania si stringe a tutti i familiari" scrive su Facebook il presidente dell'OdG Campania Ottavio Lucarelli.  "È una perdita gravissima che ci travolge emotivamente tutti", ha sottolineato il coordinatore regionale campano di Forza Italia Domenico De Siano. "Con l'amico Emiddio scompare un uomo di straordinaria cultura politica che con grande determinazione, competenza e profondo senso dello Stato ha dato sempre un prezioso contributo alla politica e alle istituzioni del Paese. Cosa di cui gli saremo sempre, orgogliosamente, grati", ha aggiunto De Siano . "Alla famiglia, ai suoi cari, va il nostro più sincero e commosso cordoglio", ha concluso De Siano.

Cordoglio arriva anche da  Bassolino: "È morto in un tragico incidente Emiddio Novi, ex senatore e consigliere comunale di Napoli, mio avversario nelle elezioni per sindaco del 1997. Sono molto dispiaciuto ed addolorato. Lo ricordo con stima e simpatia, e partecipo con il cuore alla sofferenza dei familiari e degli amici per l'improvvisa ed assurda perdita".